Sull’erba

Per oltre dieci anni, la notte, ho sognato Berlusconi. Non sempre, ma spesso. Sognavo situazioni bucoliche. Un pic-nic lungo un fiume, una colazione con i miei zii. E lui. Lui, dismessi i vestiti ufficiali, seduto sull’erba, conversava amabilmente con tutti e che alla fine mi si rivolgeva con un sorriso tranquillo. Mi appoggiava una mano sulla spalla e mi parlava di calcio. Quel sorriso tranquillo mi faceva sentire sicuro e meno solo. Senza che me lo chiedesse, alla fine dei nostri discorsi gli giuravo fedeltà politica eterna. Stavo bene e il risveglio aveva il sapore acre di una fucilata.

Non ho mai sognato una persona che ho votato, ma l’altra sera ho sognato Mario Monti. Eravamo in piedi, in posizione scomoda. Lui vestito di grigio, io con dei boxer a quadri presi da Tezenis e una maglietta a maniche corte. Mario parlava con altre persone molto meno importanti di me ma meglio disposte nell’aspetto. Poi l’ho guardato, Mario. Anche lui ha guardato verso di me, anche lui mi ha sorriso, anche lui parlava, ma non mi ha visto. Parlava a un altro. Guardava oltre. Ero trasparente tipo una sedia di Kartell, tipo me.

Berlusconi con ogni probabilità è l’anticristo. Il suo ritorno coinciderà con la disgregazione degli stati così come li conosciamo e con un periodo di miseria, terrore e morte che continuerà anche dopo di lui. Emigreremo a milioni verso la Libia. Vivremo grazie a cibo in scatola paracadutato da aerei della croce rossa danese. Tutto questo mi preoccupa fino a un certo punto. Per quanto mi riguarda, il vero problema è che io sono una cattiva persona. E quella solitudine che solo lui sapeva spazzare via, sono convinto, me la merito tutta.

Share

Le velleità ci aiutano a morire

Non c’è nessun motivo per celebrare gli 883. Sono la ragione della mia preadolescenza rivelata anzitempo, della mia adolescenza passata a considerare le ragionevoli conseguenze di un suicidio veloce. Gli 883 hanno intrappolato i miei vent’anni in cassette VHS usate.

Quella prosopopea generazionale da Alberoni meno fantasioso mi ha accompagnato nel mio crescere come la paura dell’aids. Magnificare gli 883 equivale a ricordare con affetto la paura dell’aids. Io non provo affetto verso la paura dell’aids. Non mi è mai piaciuto perdermi mentre andavo a una festa o passare pomeriggi a guardare gli shorts di donne che non avrei mai potuto conoscere. Non c’è nulla di meritevole nel girare per il corso con un motorino da sfigati.

Gli 883 non sono straordinari. Non sono la voce di una generazione. Non mi fanno venire nostalgia. Non mi ricordano cose belle. La voce da pipistrello stordito di Pezzali non mi avvicina a nulla di diverso dalla morte. Quando mi capita di ascoltarlo nella sala d’attesa di un dentista non vedo l’ora di farmi impiatare un ponte. Durante l’operazione soffro in modo ragionevole. Il rumore cinico del trapano sulle mie gengive sembra un remix post-punk di Jolly Blue.

La distanza non necessaria tra gli occhi di Pezzali è una parabola della mia dissociazione da me stesso, ma la mia generazione non c’entra. La mia generazione non esiste, e non saranno la resurrezione di Pezzali o scrivere libri su Bim Bum Bam che farà cambiare le cose. Nel mio quartiere in periferia non c’è nessuno che tiene il tempo. C’è solo un tempo che ci tiene, insieme, un po’ per caso.

Share

Sanremo è underground

Devo confessare che quando ho letto il nome di Federico Moccia (il romano che produce lucchetti sui ponti) tra gli autori nei titoli di testa, ho pensato anch’io che quest’anno sarebbe stata più dura del solito. E infatti: la prima serata di Sanremo è stata molto peggio del solito, così peggio da essere, naturalmente, infinitamente meglio.

L’anno scorso ci si era lasciati con la rivolta degli orchestrali che lanciavano spartiti contro il re torinese Vittorio Emanuele (Torino, come noto, è il male assoluto) e la fanfara dei carabinieri che intonava Guerre Stellari. Quest’anno la rappresentazione è andata così oltre da diventare teatro dell’assurdo, tragedia greca.

La valletta ukraina (dea della bellezza) che si spezza il collo. I due comici all’inizio (satiri) diventati tristi e del tutto incapaci di far ridere. Dioniso che entra in scena in un delirio trash di bombe e fantaguerra e tiene un monologo baccante lunghissimo, spinto dall’MD che sorseggia di tanto in tanto dal bicchiere, con tanto di nano alla David Lynch che si alza dal pubblico e delira di politica (la loggia). Poi i conduttori, i veri protagonisti. Morandi è il dio della casa, la grossa mamma antica preoccupata e benevola che ti cura il ginocchio sbucciato con le sue manone fuori prospettiva. L’altro, Papaleo, è il demonio, il male assoluto (come Torino). E’ una specie di American Psyco che guarda lascivo le cosce delle minorenni (Emma) e si vanta del suo fallo (“che tentazioni!“, “andiamo dietro le quinte che facciamo un inserimento“) con due pupille che neanche Sid Vicious. E poi questa cosa del “Sanremo tecnico”, il Sanremo Tekné, ovvero Sanremo come esaltazione della violenza. Il tutto inserito in un ritmo straziante, in un tempo che non è tempo, in un elogio della noia e della lentezza. Avvilimento lento.

Io lo so che questa mattina tutti i pennivendoli e i twitterers del mondo daranno addosso a Sanremo, citando ingaggi stratosferici che potevano finanziare scuole in India, oltraggiando Dioniso perché ha detto delle cose senza senso, esaltando la Gabanelli (dio ce ne scampi) e dicendo che Sanremo è lo specchio del Paese o che il Paese è lo specchio di Sanremo (oppure che il Paese è meglio di Sanremo) e via così con la patetica lista delle ragioni per le quali Sanremo dovrebbe chiudere.

La realtà è che Sanremo, apologia del mondo al contrario, è il miglior programma che la RAI produce. E’ il più coraggioso, il più efficace nel driblare perbenismi e rigidità di quegli ambienti da curia romana in cui la “C” si pronuncia “G”. Basterebbero i riferimenti massivi alle droghe pesanti e alla psichedelia piazzata lì, in prima serata, per convincere chiunque che Sanremo, in quanto unico, va difeso sempre, anche contro Sanremo (o volete Giletti, eh?). Perché Sanremo è speciale, perché Sanremo è una salamandra travestito da agnellino, tiene un profilo basso e ti salta al collo quando meno te lo aspetti. Perché Sanremo è underground, è psichedelia sparata nei circuiti mainstream. Perché Sanremo ti lacera dentro, ti destabilizza. Considerato che ho già delle giornate piuttosto tese, mi sa che ‘sta sera mi rilasso un po’, che c’è la Champions.

Share

Passione. E la forza della lucidità.

La sovranità non esiste. E’ una di quelle balle che raccontano gli internazionalisti e i positivisti agli studenti di giurisprudenza dei primi anni. La vita degli Stati è fatta di interdipendenze. Anche quella delle persone.

Io vorrei essere dominato in modo interdipendente dall’Inghilterra. Questo mi permetterebbe di avere amici che studiano alla Bicocca e non a Cambridge. Potrei andarli a trovare in metro e non con dei costosi e scomodi carri bestiame Ryanair. Permetterebbe anche di ascoltare musica italiana tipo i Beatles e i Kings of Convenience: qualsiasi premier inglese vieterebbe Ligabue e i Linea 77, contrari alla dignità della Corona. Infine, potrei vedere in prima serata serie italiane tipo i Misfits.

Le serie tv sono la moderna letteratura. I Misfits sembra scritta da Bukowski, con punte di Murakami e Stuart Mill. Racconta di quattro sottoproletari inglesi dotati di poteri da supereroe e condannati ai servizi sociali. Veri protagonisti sono due di questi. Uno senza soldi e con dei riccioli simili ai miei quando non avevo iniziato a lavorare. Un’altra è un’enorme, orrenda tamarra londinese che dice le parolacce e adora fare l’amore con gli animali. Sono alla terza serie e non è ancora stata pronunciata la parola “amore”.

Nell’Italia sovrana il ricciolino sarebbe costante bersaglio delle prediche del defunto Alberoni e la tamarra non andrebbe oltre una comparsata come donna delle pulizie. Nell’Italia interdipendente avrei degli amici a portata di tram. Ci incontreremmo, la sera, a bere scotch e a discutere dello spessore politico di Nathan e Kelly, veri baluardi del liberalismo occidentale.

Liberaci, o Regina, dagli internazionalisti e dai professori di diritto civile, da Cinecittà e da Rai Cinema. Rivelaci la dolcezza della dominazione straniera e l’orrore del nesso tra territorio e un governo che non sia il Tuo. Mostraci, con la tua infinita eleganza, la differenza tra mod e moda. E a chi non Ti segue, che Beppe Fiorello lo colga.

Share

Per un’Unione Panellenica

Ho passato più della metà delle cene della mia vita a spiegare ai miei amici perché leggo Il Foglio di Giuliano Ferrara. Non devo esserci riuscito molto. Non ho più amici e non vengo invitato a una cena da almeno 2 anni.

Coerenza e mentalità. Coerenza: vista l’assenza di cene, ho ancora più tempo per leggere Il Foglio. Mentalità: Ferrara è una persona interessante, e asseme a molte cose sbagliate dice e fa cose interessanti. E’ stato l’unico, ad esempio, a indignarsi contro la supponenza dei francesi, che non è poco. Ferrara dice anche che l’Europa ha torto.

Ferrara ha ragione. Da quasi tre giorni sono passato anch’io dall’estremismo europeista dello studente erasmus a un antieuropeismo che neanche De Gaulle. Il motivo è la Francia, ma non solo. Il motivo è quello che la Francia ha fatto alla Grecia. Al popolo greco. Che sarà anche in crisi, e quindi? Che avrà anche truccato i bilanci, ma allora? Possono dei bilanci giustificare limitazioni di sovranità del popolo che ha inventato l’occidente, i greci, a favore di un Paese in cui l’espressione più utilizzata è “o-la-la”? Basta un bilancio a legittimare le minacce razziste verso un Paese a cui dobbiamo tutto? La prima cosa quando vedo Sarkozi sorridere di scherno è forse il termine “bilancio”?

L’Europa non ha più senso. Non ne avrebbe, certo, senza la Grecia. Ma non ne ha comunque perché qualcuno ha osato pensare di lasciare indietro la Grecia, invece di liberarsi del razzismo e della supponenza dei gallici.

Nella legge di stabilità si stabilisca l’uscita dell’Italia da questa cozzaglia di burocrati senza cuore chiamata Europa. Poi si sequestri il nano d’oltralpe e lo si rechi a Capo Sounion ( Άκρον Σούνιον), appena a sud di Atene, dove Egeo si gettò nel mare dopo aver scorto, all’orizzonte, il colore scuro delle vele di Teseo di ritorno da Creta. Lì, su una rupe molto alta, sorge il tempio di Poseidone.

“Mar Sarkozì” non suona poi tanto bene, ma ci sono diversi altri vantaggi.

Share

Amare Giulio, quando fa così

Siamo sdegnati e preoccupati per le iniziative di cui abbiamo appreso in queste ore, di supposte liberalizzazioni che si vorrebbero introdurre artatamente nella manovra. E’ scorretto il metodo e tanto più il merito: tali norme minerebbero la difesa tecnica e provocherebbero la demolizione del sistema ordinistico e del controllo deontologico, a scapito dei cittadini e dei professionisti più giovani che sarebbero mandati allo sbaraglio in un mercato saturo e senza sbocchi effettivi,

tuona il Consiglio Nazionale Forense.

Il Consiglio Nazionale di Parolecomplicate si dice commosso dall’attenzione dimostrata nei confronti dei giovani professionisti dal CNF. Tale prestigiosa assemblea, dopo aver promosso una riforma della professione forense rispetto alla quale le gilde d’altissimo medioevo sembrano tutte Istituti Bruno Leoni, ancora una volta si rende protagonista della vita pubblica ed economica italiana per il suo progressismo liberale e disinteressato.

I membri del Consiglio Nazionale di Parolecomplicate giurano altresì sul Codice Deontologico che voteranno centrodestra alle prossime elezioni, sol che la manovra economica in discussione al Parlamento riesca a mantenere le norme anticorporative oggetto degli strali del CNF e, non si capisce come, anche della liberalissima gilda dei tassisti.

E valga il vero.

Share

Combinato indisposto

Post per giuristi.

La proprietà è il diritto di godere e disporre di una cosa in modo pieno ed esclusivo. Se sono proprietario di una mela, ne posso godere (mmh) e disporre come e quando voglio. Se ho un corpo, come normalmente accade, ne sono proprietario. Posso goderne (mmh) e posso disporne, pur se con alcuni limiti, in modo pieno ed esclusivo.

Da ieri non sono più proprietario del mio corpo. Mi è stato sequestrato preventivamente da un gruppo di analfabeti, per far piacere ai preti. Il mio corpo verrà martoriato, imbottito di droghe e sondini.  Verrà stremato, a prescindere dalle sue condizioni, finché le macchine riuscirranno a far andare su e giù i miei polmoni, almeno un po’. Finché qualche persona senza cuore dirà alla stampa che posso ancora procreare. Da ieri non sono più libero di partire in pace, nonostante il dolore, neanche dopo anni di coma. Deciderà il medico, per me, anche se in vita ho detto il contrario.

Questa legge  non mette in discussione la proprietà (è davvero di destra, fascista, come mai potrebbe?), anzi: parte solo da un presupposto diverso in punto di titolarità. Io non sono più proprietario del mio corpo perché, come noto, il proprietario di tutti i corpi del mondo è dio. Cioè un alieno che 4.000 anni fa, secondo le ultime stime, ha creato questo mondo per ripicca nei confronti di due tizi che rubavano frutta. Essendo suo, il (mio) corpo, decide lui. O, per intercessione, il medico che avrà la sfiga di curare il suo corpo (nel senso di mio) quando sarò per le ultime.

Con una legge di qualche anno fa, il gruppo di analfabeti che ieri ha sequestrato il mio corpo ha anche ampliato le maglie della leggittima difesa, definendo come lecito l’uso un’arma al fine di difendere “i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione“.

Immagino che riempirmi a forza il corpo di tubi possa essere considerata un’aggressione. Immagino che, in quanto possessore del (mio) corpo di dio da almeno 28 anni, una qualche usucapione debba pur essere scattata.

Attenti.

Share

Che il mar si muove appena

Libertà: ti ho vista dormire negli ultimi vent’anni. Non fai neanche in tempo a risvegliarti (con Giuliano e tutto il resto) che vieni subito soffocata dall’olezzo di incenso, l’orrenda puzza della sagrestia e dei sensi di colpa. Non parlo, Libertà, della nomina dell’arcielle Scola (non hanno nessun potere su di te, quelli lì): il fuoco che fa più male è quello che arriva dalla parte amica.

La prima cosa che è successa, Libertà, è un mezzo casino per un manifesto politico. Un manifesto in cui una folata d’aria alza una gonna anni ’60, rosa, bellissima, ad una ragazza bellissima pure lei. Slogan: “Il vento è cambiato”. Le femministe, aizzate dal Corriere, dicono che è un manifesto da Berlusconi. Che il corpo delle donne. Che, insomma, vergogna! Che l’utero è loro. Che ci mancherebbe.

La seconda cosa, Libertà, è un incontro tra te e una ragazza pisana. Che, da toscana (ah, benedetta toscana), ha pensato di girare un porno. Questa ragazza, prima di incontrare te, si era iscritta ad un partito, lo stesso del manifesto del vento. Succede così che alcuni del partito, aizzati dalle femministe, a loro volta aizzate dal Corriere, dicono che è una cosa degna di Berlusconi. Che il corpo della donna. Che, insomma, vergogna! Che l’utero (anche quello della pisana) è loro. Che ci mancherebbe.

Libertà, non lo so che succede in questo posto strano, dove chi dovrebbe farti danzare veste i panni scuri di Torquemada e chi dovrebbe star ricurvo sui messali organizza riti orgiastici.

Libertà, diglielo tu a quelli del partito: che se non c’è spazio per le gonne alzate e per l’amore libero, tanto valeva riposare ancora un po’.

Share

Cose che voi umani

Per gli amanti del genere, mi permetto di segnalare il backstage del video di Formigoni su sé stesso, internet, e la sua idea dei giovani.

E’ praticamente uguale alla versione definitiva.

Share

Ha ragione la Gabanelli

Dopo questo video di Formigoni, ritiro tutto quello che ho detto qui sotto sulla libertà di espressione in internet.

Share

Cose che ti fanno diventare di destra

Il meccanismo è più o meno questo. Ci sono tante cose che non conosciamo. Siamo geneticamente portati a pensar male. La domenica sera siamo stanchi e depressi. Verso quell’ora arriva la Gabanelli e ci racconta quello che ci vogliamo sentir dire sulle cose che non conosciamo ma sulle quali ci sembra cosa buona e giusta pensar male. I politici sono tutti corrotti, ad esempio. Tra un po’ non avermo più acqua perché il governo la vende alle multinazionali. Non mangiate più sushi perché è contaminato dalle mafie e rovina l’ambiente. Tutti i soldi pubblici sono sprecati, a parte quelli che danno a Report per le cause contro chi settimanalmente sputtanano.

Il lunedì, poi, andiamo a lavorare. Abbiamo visto tutti report. Ci guardiamo sconsolati, squotiamo la testa. Solo in Italia.

Ieri è successo che Report ha fatto una puntata su internet. Su Google, su Facebook, su Youtube. Era domenica, e io ero stanco e depresso. A differenza delle altre domeniche, però, la Gabanelli ha parlato di cose che un po’ conosco.

Il riassunto della puntata di ieri è: tutti gli internet service provider sono degli squali assetati di sangue, soldi  e dati personali; le sentenze che impongono a Google di monitorare i video prima che vengano messi in internet non sono censura (“è stata raccontata male”, ha detto ad un certo punto la Gabanelli della sentenza Vividown), ma ci tutelano dalle multinazionali; iscriversi a facebook equivale a mettersi a fare l’amore in piazza duomo mentre qualcuno fa pagare dei guardoni per sbirciare; internet è il nuovo sterco del diavolo, baby: continuate a guardare la tv, che invece fa bene.

Mentre la guardavo, non ci potevo credere. Non per la Gabanelli, intendo, ma per me. Che mi fidavo. Che li pensavo davvero liberi. Che pensavo studiassero, prima di raccontare qualcosa.

Questa mattina sono andato a lavorare. Negli occhi dei miei colleghi c’era una luce nuova. Anche nei miei. Abbiamo parlato di politica con una certa fiducia. Abbiamo bevuto l’acqua del sindaco auspicando che la Nestlé se ne occupi presto, riducendo il cloro e facendola al gusto di cioccolato. A pranzo andremo a mangiare sushi dai nostri amici giapponesi, che poi sono cinesi, senza nessuna remora da fascisti di sinistra. Domenica prossima ho prenotato un tavolo nel ristorante più costoso di Milano. Non ho idea di come pagarlo e si mangia malissimo. Arrivato a casa, però, posterò le foto dell’astice in guazzetto su facebook. Tutti i miei amici le guarderanno e Zuckerberg farà un sacco di soldi sui fatti miei. Caro Mark, io ti imploro: considerato che non ti cambi vestiti da almeno 5 anni, un 7 mila euro spendili per far causa alla Gabanelli. Tutelalo tu, questo nostro tempo bello e pieno di possibilità. Liberaci dai pregiudizi e dall’ignoranza. Fai tornare il sorriso ai miei lunedì. Conosco degli ottimi avvocati.

Share

Priorità

Se non si avesse passato gli ultimi 2 anni a invocarne la defenestrazione perché organizza delle orge a casa sua, oggi si potrebbe legittimamente, credibilmente pretenderne le dimissioni, le scuse e l’esilio per la figura che ci ha fatto fare con la Libia e per le frasi da sedia elettrica pronunciate nei confronti della scuola pubblica italiana. Scusate l’interruzione. Di che colore era il reggiseno della marocchina?

Share

Di erba e di vicini

La redazione, qui, si schiera compatta con Paolo Mieli, che in una trasmissione che in tv rimproverava alla mia adorata Rosy che la storia delle 10.000 firme per mandarlo via è una baggianata.

Certo: raccogliere delle firme in generale è una baggianata. Non ha mai funzionato, come Chill’havisto (quelli non hanno mai trovato nessuno). Un amico libero e giusto e con dei pantaloni di un paio di misure in più dice che bisogna raccogliere firme perché c’è il regime. E’ l’unico modo per organizzarsi, dice.

Ora, secondo me il regime non c’è. Non siamo messi bene, d’accordo, ma il regime è un’altra cosa. E le parole hanno un significato. E a usarle dimenticandosene va a finire che quando poi servono davvero non fanno più effetto. Comunque, se il regime c’è davvero come si dice e c’è qualcuno che vuole disfarsene, guardi verso sud. Dall’altra parte del mare ci stanno provando, a ribaltare un paio di regimi veri. Date un colpo di telefono ai vostri amici erasmus marocchini o tunisini: nessuno raccoglie firme, da loro. Nessuna Rosy Bindi, nessun Paolo Mieli, nessuna trasmissione Rai. Nessun Sallusti, nessun Bersani, nessuna Santanché. Non c’è neanche più Ruby. A pensarci bene, non capisco perché se la prendano così a male.

Share

Si contenga

Essendocene tante, di rogne, bisogna selezionare bene per quali prendersi male. A me la storia delle ragazze pagate che scopano a turno il potente (di turno) non impressiona: è già sentita (e poi possiamo dire dei mesi in meno o in più della povera Ruby, ma comunque è già sentita).

Quello a cui non mi abituo e non mi abituerò mai è il suo squadrismo. Il suo insultare una donna perché non figa, il suo prendere per il culo una ragazza perché senza un fidanzato ricco, la sua mancanza di consapevolezza dell’equilibrio tra poteri che ci permette di vivere in un mondo libero. Questo, sì, è più grave del sesso, anche con delle povere minorenni che sembrano 30enni.

Da un po’ di tempo al menù Salò ha aggiunto le sclerate televisive. Lui chiama, entra in una discussione, mandaffanculo tutti e riattacca. C’è che è vecchio. Che non sa dialogare. Che ha paura. Che vuol tenersi buoni i preti. Che probabilmente con il mondo che gli dà del puttaniere sarà anche un po’ addolorato. Ma, per quanto mi sforzi, non riesco a trovare una ragione per cui un uomo possa far di tutto per assomigliare a Teo Mammuccari.

Share

Vaticanieuropei

L’Europa ha bisogno della Chiesa. L’Italia ancora di più. Altro che chiedere alla Chiesa e al mondo cattolico di non ingerirsi! Io vorrei invece dire: ‘Ingeritevi! Se non ora, quando?’

Massimo D’Alema, in Formiche, 1213 d.C., via Danton.

Share

Pale and Piecoon

Della riconquista delle parole.
Ora che è alle porte un nuovo rinascimento, oltre alla fiducia in noi stessi e nella nostra gente (milanesi e veneti di pianura a parte) si ha da ritornare a riempire di significato le parole. Le parole devono ritornare a pesare come macigni, a profumare di sostanza.
Nell’alba del nuovo rinascimento italiano si deve ritornare a parlare di libertà senza un popolo, di scuola senza offerte formative, di lavoro senza stage, come opera retribuita con dei soldi. Di soldi come una cosa sacra perché strumento con cui si misura il lavoro.
Ridare peso alle parole spazzerà via d’un fiato chi usa parole vuote perché le parole teme. Primi tra tutti i giornalisti che dicono “escort” al posto di “puttana”. Secondi tra tutti (anzi, ex aequo) i critici d’arte.
La presentazione di una mostra che ho letto di recente così reca:
Con [nome dell’Artista] si entra in una poetica dirompente più che provocatrice, animata da una sensibilità carica nell’espressionalità … dove il colore diventa forma di quell’ordito materico i cui tagli di luce acuiscono gli effetti, l’Autore stratifica composizioni di grande impatto visivo, secondo una ricerca in cui la pittura si fa attualità e nell’emozione coinvolge gli eventi … l’Autore si propone di liberare la creatività dell’inconscio, sottolineando l’importanza della spontaneità creativa.
Che nel nuovo rinascimento italiano artista e recensore siano condannati ai lavori forzati in una cava di ordito e materico marmo di Carrara.
 

 

Share

Vomito

I segni nefasti non vanno mai sottovalutati. Eccolo che ritorna, Misctellippi, quello che aveva chiuso con il mondo del calcio. Non mi stancherò mai di ripeterlo: Berlusconi non è un problema. E’ un trend.

Share

Piccoli miscitellippi crescono

Ciro Vincosubito Ferrara è il nuovo allenatore dell’Under 21. Nella sua prima conferenza stampa ringrazia Lippi “che si è detto contento” (intendendo “soddisfatto”) e promette che nella sua nazionale ci sarà solo gioventù italica: gli oriundi nei ghetti. Dice anche che non se l’aspettava, raga.

Share

Raga non me l’aspettavo

Caro Jacopo, il Fatto non lo leggo perché mi fa diventare triste. Prendi ad esempio l’ultimo scooppone, quello delle telefonate tra il vicedir de Il Giornale e il portavoce della capa di Confin. Pazzesco. In meno di tre minuti, riesce a sputtanare oltre il 60% dei mestieri che un bambino può voler fare da grande. Ne escono male i giornalisti: che sembrano diventati dei buttafuori dell’Holliwood. Ne escono malissimo i politici e le puttane: che sembrano tutti burattini in mano di non si sa chi. Ne escono male gli industriali: ma come si fa ad avere paura di Feltri? Ne esce male Feltri: ma come si fa a far paura agli industriali (cattivo!)? Non ne escono benissimo neanche i poliziotti: ma perché uno dovrebbe intercettare quelli del Giornale (cioé: cosa possono fare di peggio)? La Marcegaglia ne esce peggio di tutti: con una credibilità che neanche Ciancimino. Massimo rispetto, invece, per i Cerchi Sovrastrutturali.

Share

Complicati maestri

Ieri notte ho assistito a Daniela Santanché che discuteva con una vecchia politica di sinistra riguardo alla legge 40 e ai diritti delle persone sterili. Io solitamente sono democratico e ascolto con curiosità le opinioni di chi la pensa in modo diverso da me.

Credo sinceramente che appena tutto questo finirà, queste persone non la possano passare liscia.

La prima cosa da fare sarà interrogarsi su come si sia arrivati a mettere i nostri diritti in mano a dei semianalfabeti. Poi bisognerà stilare delle liste di proscrizione: oneste e accurate. Infine sarà essenziale emettere sanzioni dure. Esemplari.

Questo tipo di persone, noi, non la possono passare liscia.

Share