Di democrazia e isolamento

Le elezioni sono l’apoteosi dei miei problemi con il senso di appartenenza.

Quando ci sono le elezioni non sono innervosito dai vincitori, chiunque essi siano, né straziato dai perdenti. Non sono nauseato dal linguaggio, amo quasi quella retorica scontata da serie tv sudamericana. Tutto questo va bene. Il problema sono io. Io non condivido nulla con la mia gente, non riesco a coinvolgermi. Io non capisco la campagna elettorale, l’entusiasmo, i programmi. Non ho esperienza dei problemi veri, nonostante ne sia pieno. Non mi emoziono allo stesso modo delle persone che mi stanno attorno, e dio sa quanto ci provo. C’è un mondo straordinario lì fuori e io lo ignoro. Non è deprecabile il mio popolo, lo sono io in quanto altro da lui. La maggioranza è una benedizione e io ho sempre voluto farne parte.

A differenza di quanto scrivono gli stranieri e gli italiani all’estero, gli italiani in Italia sono un grande popolo. La brutta giornata di oggi non è imputabile a loro. E’ tutta colpa mia. Tutte le elezioni sono terribili, da sempre. La profonda tristezza che provo è solo una conseguenza logica dell’isolamento. La politica è la continuazione della mia solitudine con altri mezzi.

Share

Di aerei, telefoni e scie chimiche

In questo tempo di verità, bisogna ritornare al punto più semplice. Questo comporta una battaglia di libertà contro le superstizioni. Più della religione e della speranza di ottenere dei premi utili con la carta Fidaty, la superstizione che crea maggior danno oggi è il divieto di uso di telefonini in aereo.

Non considero i velivoli Ryanair degli aerei. Viaggiare in aereo può essere piacevole. La sensazione di fare qualcosa di importante, viaggiare, viene però irrimediabilmente compromessa dall’invito a spegnere i telefonini, urlato dagli altoparlanti e ripetuto dalle hostess in ogni lingua del mondo. La lingua in cui riesce più fastidioso è lo spagnolo.

Molte norme utili non vengono obbedite. Questa, che appartiene alla stessa sfera di perversione irrazionale da cui vengono la paura del big foot o delle scie chimiche, la rispettano tutti. La ragione è semplice: l’uomo teme la tecnologia come la violenza (entrambe tekné). Teme il volo, teme il telefono, teme i bollitori automatici in omaggio con 3500 punti della carta Fidaty. Li teme perché non conosce. Non conoscendo, non sa che le onde di un telefono non possono fare nulla ai controlli di un aereo e che, comunque, dopo un secondo dal decollo e fino a 2 minuti dopo l’atterraggio, il telefono emette le stesse onde di un bollitore automatico. Come iniziano a sostenere anche pochi coraggiosi uomini di scienza, i bollitori automatici non hanno mai fatto del male a nessuno, figuriamoci ad un aereo.

Io tengo il telefono acceso quando volo. E’ il mio modo per dire al mondo che va tutto bene. Lo faccio per una battaglia di civiltà.

Le norme si rispettano solo quando sono giuste. La prossima volta che i giornali annunceranno trionfanti di persone trascinate fuori dagli aerei e magari multate, rovinate o linciate perché non volevano spegnere il telefono, non scuotete la testa con disprezzo. Credetemi: non sono cafoni, è avanguardia.

Share

This way, Madam

Per il mio spassionato canto all’Emilia ho ricevuto mail di minacce. Le prime dai cattolici, gli stessi che in questi giorni hanno invaso Milano con le loro canottiere sotto le camice. Dicevano che dicevo così solo perché l’Emilia è di sinistra e blasfema, che mi ci ritrovato. Io non sono di sinistra.

Una volta arrivata la tragedia del terremoto, sono stato sommerso dalle mail dei superstiziosi, che coi cattolici condividono la credenza in un essere soprannaturale chiamata “Sfortuna” anziché Dio. Dicono i superstiziosi che il mio blog è tipo Marco Masini. Che parlo di Alberoni e Alberoni viene licenziato. Che parlo di Berlusconi e Berlusconi si dimette. Che parlo di Carlà e Sarkò perde le elezioni.

Io non sono supertizioso ma per deformazione professionale tendo a prendere in considerazione le ipotesi più diverse. Dea Sbendata, tu non esisti, ma in caso contrario sappi che a me piace un sacco anche San Pietro.

Share

Ti amo, Emilia

Le tasse sono terribili, la spesa pubblica è terribile, ma Stella e Rizzo sono ancora più terribili.

Stella e Rizzo non hanno un corpo. Dopo un milione di ospitate in tivvù, nessuno è in grado di distinguere l’uno dall’altro. Mai fidarsi di chi non ha un corpo. Nascosti dietro al loro non essere, Stella e Rizzo hanno inventato e propagandato parole come “casta”, “privilegi” e “sprechi”. Queste parole hanno la caratteristica di far perdere credibilità a chiunque le pronunci. Non paghi, i Travaglio della borghesia annoiata continuano a tuonare contro la spesa pubblica che gli garantisce lo stipendio. Va bene indignarsi, ma ora anche basta.

Il punto non è che c’è uno Stato che si mangia metà di quanto produco. Il punto è che cosa ne fa, con questa metà. Mi avvilisco a livelli incredibili quando penso che la Lombardia spende i miei soldi per ristrutturare alberghi dei preti o per pagare consultori familiari. Sono felice, invece, se l’Emilia Romagna aumenta le sue uscite del 125% negli ultimi 10 anni per fare quello che si fa in Emilia Romagna.

L’Emilia Romagna è la regione più bella del mondo. Asili, scuole, casseri, musica anni ’70, festival del benessere. Io allo Stato darei anche i 4/5 di quanto produco, a patto che 3/5 vadano a Porretta. Porretta è il paese più bello del mondo. Asili, scuole, pozze, festival del cinema. Porretta è una scheggia di paradiso. Il sorriso della bella gente d’apennino è l’unico motivo per cui potrebbe dubitare della non esistenza di Dio.

Capisco Stella e Rizzo (o Rizzo e Stella, o Stella e Stella, o Rizzo e Rizzo), che a stare in questa bottiglia d’orzata non capiscono, si innervosiscono e fanno deprimere i miei genitori. Ma che se la mettano via. Che si informino su cosa succede a Porretta, mentre loro ticchettano maligni sulle loro tastiere wireless. Che assaggino una tigella calda, conversando con Carlo Mazzacurati di quanto sono dolci i colori della primavera. Apparirà chiaro addirittura a loro che la spesa pubblica è un pretesto e che il modello è l’Emilia Romagna. Anzi, l’Emilia.

Share

Le velleità ci aiutano a morire

Non c’è nessun motivo per celebrare gli 883. Sono la ragione della mia preadolescenza rivelata anzitempo, della mia adolescenza passata a considerare le ragionevoli conseguenze di un suicidio veloce. Gli 883 hanno intrappolato i miei vent’anni in cassette VHS usate.

Quella prosopopea generazionale da Alberoni meno fantasioso mi ha accompagnato nel mio crescere come la paura dell’aids. Magnificare gli 883 equivale a ricordare con affetto la paura dell’aids. Io non provo affetto verso la paura dell’aids. Non mi è mai piaciuto perdermi mentre andavo a una festa o passare pomeriggi a guardare gli shorts di donne che non avrei mai potuto conoscere. Non c’è nulla di meritevole nel girare per il corso con un motorino da sfigati.

Gli 883 non sono straordinari. Non sono la voce di una generazione. Non mi fanno venire nostalgia. Non mi ricordano cose belle. La voce da pipistrello stordito di Pezzali non mi avvicina a nulla di diverso dalla morte. Quando mi capita di ascoltarlo nella sala d’attesa di un dentista non vedo l’ora di farmi impiatare un ponte. Durante l’operazione soffro in modo ragionevole. Il rumore cinico del trapano sulle mie gengive sembra un remix post-punk di Jolly Blue.

La distanza non necessaria tra gli occhi di Pezzali è una parabola della mia dissociazione da me stesso, ma la mia generazione non c’entra. La mia generazione non esiste, e non saranno la resurrezione di Pezzali o scrivere libri su Bim Bum Bam che farà cambiare le cose. Nel mio quartiere in periferia non c’è nessuno che tiene il tempo. C’è solo un tempo che ci tiene, insieme, un po’ per caso.

Share

Della grave assenza di disapprovazione natalizia

Nessuno ha notato che quest’anno è mancato un elemento nei natali scorsi sempre presente: il Lamento del Prete. Ogni anno, al sopraggiungere del natale, un prete sale sul pulpito di varietà come il TG1 o il TG3 e, pieno di finto livore e cattive intenzioni, tuona contro il consumismo. Perché natale è la nascita del Cristo, non un’occasione per comprare l’ultimo sgabello di Philip Stark. Perché bisogna concentrarsi sull’amore di dio, a natale, non sul colore degli ultimi pigmenti Mac.

Quest’anno, invece, niente Lamento del Prete. La Chiesa tace sugli orrori della libertà economica. Questo mi destabilizza. Che sia la crisi? Che i preti temano gli strali dei loro colleghi commercianti, già messi mica tanto bene? Che sia l’Ici? Che i ghost writer dei preti siano tutti occupati a giustificare l’evasione totale degli ultimi 60 anni? Che sia il governo Monti? Con quei loden che avvolgono, giustificano e salvano tutto e tutti?

Lo shopping è un atto sessuale: è svuotato di colore, se reso libero da ogni disapprovazione.  I commercianti di Montenapoleone sono in subbuglio: gli esprimo viva solidarietà. Il mio panettone di Ranieri mi sembra un Bauli, senza senso di colpa. Privato del pensiero dell’Africa, uno regala libri di Benedetta Parodi e poi finisce a letto con un proprio parente.

Caro Babbo Natale, tu sei la nostra unica speranza. Riprepara la slitta, avvisa le renne. Rimettiti quel vestito da Gabibbo in crack e rifatti un altro giro quaggiù. Portaci un Carlo Maria Martini, furente e avvilente come ai vecchi tempi. Babbo Natale, in tempo di crisi bisogna fare sacrifici ed essere altruisti: anche se il tuo turno è andato, noi magari per la Befana ce la si fa, a sentirsi almeno un po’ stronzi.

Share

Dell’esame di avvocato e di altre forme di waterboarding

Assieme allo smog di Milano e alla mia solitudine, il problema più grave del Paese sono i vecchi. Non i vecchi vecchi tipo i nonni, intendo i mezzivecchi, tipo 70 anni. Quelli che sono al potere. Tanti la chiamano questione generazionale e propongono soluzioni accomodanti. Io lo chiamo disagio.

I vecchi sono un danno. Nel mio lavoro, i vecchi hanno inventato una cosa che si chiama “esame di avvocato”. Consiste nel deportare decine di migliaia di giovani all’anno in capannoni troppo freddi o troppo caldi, inondarli con senso d’impotenza e fargli scrivere tre documenti in condizioni che nella vita reale non esistono (senza il computer e senza internet, per esempio; o con donne incinta che piangono e recitano rosari; o con degli sbirri che non ti lasciano andare a pisciare).

Poi i vecchi rideportano i giovani da dove sono venuti e, sorseggiando Vermut, decidono se i documenti scritti dai giovani vanno bene o no. Dopo 7, 8, 9 mesi i vecchi comunicano ai giovani il loro giudizio spesso influenzato dal Vermut e decidono se i giovani devono ripetere la deportazione o se possono cominciare a diventare vecchi. Si inizia a diventare vecchi perdendo un’estate a studiare materie come diritto ecclesiastico e sostenendo un esame orale svolto in condizioni che nella vita reale non esistono: tutto si svolge in un’aula di tribunale e la sentenza arriva subito.

La totale assenza di bellezza, prima che di giustizia, di questo processo causa nei giovani una grave depressione, li peggiora. Dopo la deportazione e il superamento dell’orale, molti nonpiùgiovani  iniziano a sostenerne l’opportunità.

Soffocati nelle loro regimental, i nonpiùgiovani iniziano a sostenere che la deportazione sia giusta perché (i) siamo già in troppi, non c’è lavoro;  (ii) la difesa è un valore costituzionale, gli avvocati non sono commercianti.

Nonpiùgiovani che avete superato l’esame: (i) siamo già così tanti che rimarremo troppi per i prossimi 80 anni anche se da domani non diventasse avvocato più nessuno; (ii) la difesa è un valore costituzionale e noi siamo in un mercato, che è un valore costituzionale (e poi basta con ‘sta costituzione, davvero).

Nonpiùgiovani, almeno voi, ricordate i tempi della bellezza. Ricordate i tempi in cui tutto era semplicità e emozione. Aboliamo l’ordine degli avvocati. Aboliamo tutte le corporazioni. Aboliamo l’esame di avvocato, di giornalista, di architetto, di igienista dentale. Aboliamo le regimental, e facciamo decidere al mercato (soolo al mercaato) chi può fare questo lavoro e chi no.

Se non ci sono abbastanza divorzi, cambieremo lavoro. Avremo meno avvocati e più tempo per fare l’amore. Questo causerà più divorzi e rendera il mondo un posto migliore. Equilibrio karmico, dolcezza liquida. Riprendiamoci le estati e i dicembri. Se non ora, quando?

Share

A nanna, adesso

Saranno i vent’anni di potere incontrastato. Sarà che mi sembravano immortali. Sarà la loro sopravvalutazione continua, anche da parte mia, che da bravo cristiano amo i miei nemici allo spasmo. Saranno i danni fatti a livello internazionale. Oppure le abitudini sessuali bizzarre. O il loro odiare la libertà. Sarà quel vanto, ostentato, di costituire fattori di sottosviluppo. O quella loro abitudine a circondarsi di collaboratori furbi e impresentabili. Sarà il male, banale e geniale. Sarà la loro compagnia.

Nei giorni strani in cui Wojtyla e Berlusconi se ne sono andati, ho provato la stessa cosa: niente.

Share

Del 308 e della mia infinita tristezza

Davvero finisce tutto così? Con Gabriella Carlucci che chiude il sipario con la sua bocca finta e triste increspata in una smorfia di convenienza e rassegnazione, senza neanche aspettare l’ultimo applauso, senza neanche l’ultima risata mandata dalla regia? Davvero gli ultimi 20 anni della vita politica di questo Paese, la mia infanzia politica, la mia adolescenza politica e la mia vita politica adulta si sgonfiano come un pallone arancione Supertele? Davvero, senza neanche far rumore?

Nessuno, ti giuro, nessuno sarebbe stato in grado di scrivere una storia come quella politica di Silvio Berlusconi. Una storia pazzesca, imprevedibile, squallida e indistruttibile. Con lui che ne fa di ogni, ogni giorno, ogni ora. Con lui che alza ogni asticella immaginabile a livelli che neanche pensavo possibili. Con lui che mina qualsiasi cosa: equilibri personali, economici, istituzionali e, per fortuna, morali. Con tutto il mondo e metà Italia che lo vuole finito di morte violenta, quando va bene. Con l’eccezione che diventa regola, con i preti che difendono orgie con minorenni, con gli ex comunisti che acclamano i vescovi, con confindustria contro un imprenditore, con la destra che alza le tasse.

Dopo tutto questo, davvero finisce così, in silenzio? Senza un Tribunale o una sede della Corte costituzionale che scoppia in aria? Senza un meteorite che devasta il Parlamento? Davvero finisce tutto con un rendiconto dello stato, e neanche un Gavrilo Princip per chiacchierar?

Share

Volentieri

Devo aver conosciuto Trieste quand’ero bambino. Mio padre, che lavorava da molti anni in una società che costruisce le sue strade, me ne parlava a cena. La dipingeva con movimenti veloci della china, raccontandomi ora di quanto era bello il mare, ora di quanto erano insopportabilmente dissacranti e ciniche e libere le persone che ci stavano. Devo aver cominciato a parlarla, Trieste, sin da subito. La mamma, friulana e slovena per metà, e il papà, friulano e veneto per metà, hanno trovato come punto d’incontro linguistico un dialetto che sembra un triestino morbido, pulito delle zeta e reso più voluminoso con delle vocali aperte e musicali.

L’ho incontrata per la prima volta, Trieste, appena adulto. Scappai quasi di casa per conoscerla di nascosto. Come tutti gli incontri clandestini, fu una delle cose più belle del mondo. Di lei ricordo i colori, la luce, quell’aria strana da bomboniera demodé. Dissacrante, cinica e libera. Di lei ricordo le persone. Quelle dell’università, all’inizio. Che potrebbero starsene nella loro bomboniera a mangiare confetti e invece ti portano a casa, al carnevale, nel loro letto. Di Trieste ricordo il mio primo lavoro, il più bello di tutti. Quello che davvero me l’ha fatta conoscere, Trieste, con i suoi casini, con i suoi amori e con i suoi maestri.

Trieste è piena di maestri. Uno di questi, che come me l’aveva conosciuta più tardi, una sera mi disse che Trieste è una maledizione. Che una volta conosciuta e amata, poi lei ti segue. Che non si può lasciarla così. Che la sua magia ti rincorre come un’ombra, come una sirena, e tu non puoi fare altro che rimpiangerla. Mai cosa più vera. Perché quando uno si innamora del suo cinismo e della sua libertà, poi quella razionalità folle e anarcoide la ricerca un po’ dappertutto. Senza mai più ritrovarla, ovvio. E senza mai capire fino in fondo se ci sono davvero ragioni valide per averla persa, o per sperare di rincontrarla.

Riesco ad essere lucido in tutti miei pensieri su Trieste, a parte uno: il rapporto tra la sua magia e il suo essere tendenzialmente ferma. So solo che è per la prima che mi sono fatto innamorare e per la seconda che me ne sono andato. Nient’altro. Non so se è magica (anche) perché è immobile, o se il suo essere immobile è una causa naturale della sua magia. Pensandoci, Trieste assomiglia ad una prima fidanzata adolescente. Bellissima, senza tempo, sfacciata fino al punto da non volersi accorgere che il mondo le sta cambiando attorno. “La fidanzata” è anche il titolo che avrebbe dovuto avere il libro che Beniamino Pagliaro, persona magica e libera e preziosa, presenta domani all’Hotel Savoia, dalle 18.00. Poi il titolo si è trasformato in “Trieste, la bella addormentata”. Sul perché bella, iniziare il post da capo. Su quanto profondamente addormentata, davvero: non so cosa sperare.

Share

Dell’acqua e della mia diffidenza

Giuliano, l’altra sera in quella Piazza Duomo da mille e una notte mi hai chiesto di andare a votare per il referendum. Io pensavo di non andarci, ma se me lo chiedi tu ci vado. Mi hai chiesto anche di votare quattro sì. Io pensavo di non andarci, ma anche se me lo chiedi tu ci penso un attimo.

I quattro quesiti del referendum, Giuliano, riguardano cose molto diverse. Quello per abolire il legittimo impedimento merita un sì netto: le leggi si fanno per tutti, non per qualcuno. Lì ti seguo a ruota. Ti seguo anche su quello contro il nucleare: se fosse opportuno farlo, bisognava farlo 30 anni fa, non ora che possiamo sperare in qualcosa di meglio.

Quanto alle domande sull’acqua, Giuliano, non so. A me che sono un relativista la propaganda per slogan puzza un po’. L’acqua deve rimanere pubblica, mi dicono. Ma non è che adesso l’acqua non si paga. L’acqua non deve avere prezzi di mercato, mi dicono. Ma non è che adesso il prezzo lo fa la Caritas, mi sembra dalla bolletta. Io credo, Giuliano, che quanto viene gestito dal pubblico in Italia sia tutto lasciato un po’ a sé stesso. Tubature che perdono, cloro che neanche alla piscina comunale, anguille che mi escono dal lavandino della cucina. Credo che invece legare la manutenzione degli impianti idrici ad interessi economici privati possa migliorare la situazione. Se la tubatura perde, chi mi dà l’acqua perde denaro. E quindi ha interesse a ripararla. Se l’acqua che mi arriva non è buona, me la faccio dare da un altro.

L’unico problema, Giuliano, è che in Italia non conosciamo il significato del termine “privatizzazione”. Ho paura che i “privati” che mi porteranno l’acqua saranno mezzi pubblici. Ho paura di un processo di selezione politica. Ho paura che avremo, come sempre, gli svantaggi della gestione statale uniti alle angherie delle regole di mercato.

In America, Giuliano, è diverso. Lì sì che l’acqua se la curano davvero, i privati. Lì sì che mettono il fuel of interest on the fire of shareholders. Pensa a quanto mi avvilisco, Giuliano, se qui il fuel of interest lo mettiamo on the fire of Caltagirone.

Share

Eurovision complicato#1

Una sera di primavera nella Lorena francese culla della nostra Europa, sono stato a iniziato a uno dei fondamenti dell’Unione da due amici, uno rumeno e una francese (di quest’ultima ero innamorato). Il fondamento in questione si chiama Eurovision, una competizione canora tra Stati, una specie di Giochi Senza Frontiere della musica. Funziona così: uno Stato, dopo consultazioni che coinvolgono i massimi livelli (i ministeri degli esteri, della cultura e dei temporali) sceglie un campione e una canzone da mandare a duello. Il duello, nella nostra epoca di non violenza, si svolge su un palco: al posto dello scudo un microfono, una canzone per alabarda. Eurovision coinvolge ogni anno milioni di europei entusiasti. Milioni di milioni in tutti i Paesi. A parte, fino a quest’anno l’Italia.

Questa sera, dopo quasi quindici anni, l’Italia si ripresenta ad Eurovision (ore 20.50, raidue). E’ una notizia straordinaria, europea. I giornali non ne parlano troppo perché occupati con questa cosa del voto. Continuiamo ad avere una visione distorta delle priorità.

Il motivi per cui l’Italia non ha partecipato in tutti questi anni sembrano essere due. Alcuni dicono che l’assenza italiana coincida con il periodo di potere leghista. Può essere vero. Uno come Van der Sfroos a Eurovision non sarebbe ammesso: lì si canta in lingua, come dice mia nonna. E sono vietate le sciarpe in generale, e quelle a righe in particolare (art. 3, comma 4-bis del Regolamento). Il secondo motivo riguarda San Remo. Che senso ha, sostenne a suo tempo Togliatti, partecipare a qualcosa che si ispira a San Remo, se abbiamo già San Remo? La questione è controversa. Perché se da un lato noi qui si ama l’Europa e tutto quello che include la radice “Euro”, dall’altro l’obiezione di Togliatti, senza volerlo, coglie nel segno. E’ una questione di rispetto del sacro. Sono sempre stato contrario alle continuazioni di Pippo Baudo con altri mezzi.

Share

Degli occhi di Luvi

Di solito si dà contro ai decenni appena passati salvo rivalutarli vent’anni dopo, quando c’è un altro decennio prima a cui dare conto. Qui, in netta controcorrente, si vuole iniziare con almeno 1 mese di anticipo a magnificare i ’90. Che facevano schifo per tutta una serie di cose che iniziano con la B ( Berlusconi, Bush, Bonolis) ma che mi resteranno negli occhi e nel cuore per il volto delle donne. Non tutte, naturalmente (molte iniziavano con la B, tipo Barbie): solo le cantanti. Anzi: solo le cantanti che partecipavano a concerti unplugged.

Ho iniziato ad innamorarmi prima della violoncellista dell’unplugged dei Nirvana, per il modo in cui guardava per terra e muoveva le spalle. Poi è stata la volta di Ginevra Di Marco, che canta con i CSI ad Acustica su VideoMusic: la sua pienezza dolce e quelle ciglia rade mi ricordano mondi che non so. Quella per cui darei ancora oggi la vita, però, è Luvi de André.

La conobbi mentre accompagnava suo padre appena davanti alle carte da gioco giganti, nell’ultimo concerto. Lei ha tutto. Anzi: lei è tutto. Bella, particolare, alta, magra, un po’ in sovrappeso, dolce, decisa, semplice come una margherita, mora, capelli lisci.

Quando a circa 13 anni sono andato da suo padre a chiederle la mano lui mi ha guardato per un po’ con quell’occhio mezzo chiuso, senza dire niente. Io pensai che non sapevo se la volevo sposare perché amavo lui o perché amavo lei. In fin dei conti, pensavo, poteva essere una buona sintesi.

Share

Porta Pia again and again

Nel mio paese natale c’è un piccolo bar molto frequentato, proprio davanti alla chiesa. E’ da sempre il ritrovo di coloro che escono da messa (la domenica) e dei vecchietti più in generale (ogni giorno, dalle 6.30, per giocare a carte o vedere le partite). Appena entrati, sulla destra, c’è un quadro appeso. Sul quadro c’è la foto di un Papa con lo sguardo buono (non KW, uno prima) che ammonisce: “la bestemmia offende Dio e l’uomo“.

Quel bar davanti alla chiesa, domenica a parte, è uno dei posti in Europa con il più alto concentrato di bestemmie al minuto. Si bestemmia da sempre. Si bestemmia per tutto. Perché non peschi briscola; perché il tuo compagno non cala il carico; perché il Milan non ha segnato; perché il Milan ha segnato; perché la squadra del paese dovrebbe giocare con un 4-2-3-1, con davanti solo quello foresto, mica con quell’altro, lì, che solo perché morosa con la figlia del mister. Dalle mie parti le bestemmie sono una preghiera. Un pezzo di teatro. Un sentimento contadino che sa di salame casereccio e sudore di terra. Sono un apostrofo rosa tra un dubbio insegnato e qualcosa che ti ha dato da mangiare per secoli. Le bestemmie mi ricordano i pomeriggi d’estate, le partitelle a calcio e i calippi alla coca con in fondo le caramelle gommose. Quando le sento mi scappa un sorriso perché sono cose da persone semplici, dirette (e, quindi,) corrette.

Quello che ha fatto ieri B è lodevole. E’ dolcissimo, anzi. E’ una delle cose più belle mai fatte da lui negli ultimi 15 anni. E’ una cosa dal Lui dei primi tempi. Quello pazzo, liberista e libertario, del ’94. Quello del “fuori lo stato dalle mie mutande”, quello che “il caso di Eluana è una questione personale”. Quello di prima del family day, delle fiaccolate con i cardinali. Quello senza i laici devoti.

Solidarietà, come sempre, alla mia amata Rosy. Però.

Sinistra italiana, hai fatto eleggere un Presidente della Repubblica che fa organizzare le cerimonie della Breccia di Porta Pia ai brecciati: risparmiaci almeno le scene di vergogna per la barzelletta dell’orchidea. Non strapparti i capelli per un motivo che non sia te stessa. Evita di salmodiare sul “ma lui è” e sul “ma lui non può”. Non interessa a nessuno se “a livello internazionale”. Uno una volta disse che il problema della tua classe dirigente è essere cresciuta con “Happy Days”. Se così fosse, sappi che nel mondo reale non si gira più con la giacca in pelle; che i bagni non sono mai stati usati come uffici; e che nei bar fuoristanti, se le orchidee l’uomo non l’offendono affatto, neanche il buon Dio deve prendersela troppo a male.

Share

Quel che finisce

E’ molto dolce che la morte metta a posto un po’ tutto. Con quel suo profilo democratico, pacificatore, un po’ bicamerale. Bella la morte, che ci fa vedere le cose buone di tutti o quasi. Appena muoio voglio che mi si ricordi come quello che non si incazzava quando gli rubavano il telefono, come quello che ha sempre trattato bene i propri nonni. Se nella mia vita ucciderò qualcuno, voglio che lo si ricordi come un gesto d’amore. Perché l’amore e l’amorte si sa, dai. Un po’ come il potere e i segreti. Oppure la spiritualità e la comunicazione. Appena muoio voglio che mi si ricordi come un grande comunicatore, a prescindere da quello che ho già fatto e che farò, anche a prescindere da quello che dico. Perché saper comunicare è la più importante tra le virtù. Siamo un popolo di grandi comunicatori noi, abbiamo una naturale propensione al senso scenico. Che poi questo nasca male e porti a peggio, bon, che c’entra? Noi intanto comunichiamo. Attentamente, clamorosamente, un po’ a caso. Non è mica poco: a prescindere dalle cose prima, saper comunicare val bene dell’affetto sconsiderato dopo. Anche ai nazisti, per dire, piacevano i fiori.

Share

Chieri e ti sarà dato

Cinquantamila chierichetti a Roma per Ratzinger. I Papa-Toys.

Spinoza

Share

Ti ricordi, quella strada

Io odio l’Italia. La odio innanzitutto per la sua incapacità di portare rancore, che alcuni si ostinano a chiamare “memoria”. L’Italia porta rancore in modo deviato, a comando. Come tutto il resto.

Si è portato rancore per mesi nei confronti di Marrazzo, che non aveva fatto proprio nulla di rilevante né di contrario al bene comune. Anzi: un uomo che scopa e si diverte la sera durante il giorno lavora meglio, si sa. Per anni il nemico pubblico numero uno è stata Vanna Marchi, una cicciona emiliana che vendeva delle cose che non esistono. E noi, l’Italia, invece di deridere gli acquirenti, ce la siamo presa con lei. Pazzesco. Non parliamo poi di Fini, cui la gente si ostina a non credere solo perché è stato fascista, nonostante stia continuando a salvare la democrazia ogni giorno da due anni, ormai. Lui semina libertà e raccoglie rancore. Incredibile.

L’unico nei confronti del quale non viene portato rancore è Marcello Maleassoluto Lippi. Il viareggino volante, il finto quarantenne in tuta rossa che ha sacrificato la dignità nazionale sull’altare degli interessi particolari suoi, di quel mona del figlio e di Moggi. Lo psicocattofascista e monarchico protetto dalle peggiori mafie del Paese, che ha vinto il mondiale per un rigore e ciulato in modo fraudolento il posto a Roberto Donadoni (più giovane, bravo, intelligente ed umile di lui) che ha a sua volta perso gli europei per un rigore contro la squadra campione d’Europa e del Mondo. Altrocché Marrazzo, la Marchi o Fini. Al triplice fischio di Italia-Polacchia bisognava costituire una fondazione avente come scopo “l’arrecare turbative, molestie e, più in generale, rancore” a Miscitellippi per i prossimi vent’anni. Tipo aspettarlo fuori casa, la mattina, vestiti da Balotelli, e lanciargli addosso delle monetine. Tipo incatenarsi alla sua automobile urlando “convoca Cassano, che sennò sta volta non ti lasciamo partire!”.

Invece niente. Il regime mediatico e calcistico, in combutta con tutti i calabresi e i preti d’Italia, hanno deciso che andava bene così. Che in fondo uno che è amico di Pupo e di Emanuale Atestaingiù Filiberto è un buon padre di famiglia. Che uno che va a messa la domenica di peccati ne può anche fare. Che a uno così non si può non perdonare, nonostante tutto.

Io sono di un’altra scuola. Io odio il perdono. Io odio ogni giorno di più Miscitellippi. Odio anche suo figlio e i suoi amici. Odio la sua tuta rossa. Dannato il popolo che non ha bisogno di capri.

Share

Ma io volevo fare il giornalista

Stavo per fare la rivoluzione, oggi, o almeno per scrivere una poesia sull’amore corrisposto solo a tratti, ma poi ho riflettuto sul fatto che qualora il delegante abbia dato ordine al delegato di pagare al delegatario, una volta che il delegato abbia effettuato il pagamento al delegatario, il diritto di pretendere la restituzione dell’indebito pagamento spetta non al delegato, bensì al delegante, e ho lasciato perdere.

Share

Amare Barbara

Perdonali, Barbara, perché non sanno quello che scrivono. Perdonali tu, che sei un segno di speranza in questo lago di lacrime, che sei un fiore di campo cresciuto nonostante i neon viola e la porcellana Pozzi-Ginori. Tu, vergine figlia, figlia di tua madre, a sua volta unica autorità morale di questa landa in preda agli Enrico Papi e ai papi più in generale. Perdona tuo padre, da cui così amorevolmente prendi le distanze facendoti autorità morale, lario a tua volta. Perdona Repubblica, che per sparare addosso a lui è disposta a rinnegare i più basilari principi di responsabilità personale, instrasmissibile da padre a figlio. Perdona due volte Repubblica, che il prossimo che mi viene a chiedere perché lo ritengo un gossip-magazine lo uccido con una balestra. Perdona il prete Verzé, vecchio e stanco e in cerca di un compiacimento. Perdonalo perché è anziano, vicino al rasoio che ci ugualizza e ci rende avidi dei sorrisi che neanche tutto il potere di una vita ha saputo dare. Perdona Galli della Loggia, presente in commissione, perdonalo perché presente. Perdona anche la de Monticelli, Barbara, perdonala perché essente. Ignora il suo finto progressismo fatto di intolleranza politica e culturale, in nome della quale sacrificherebbe suo figlio sol che le parlasse un giorno a cena di Carl Schmitt. Perdona lei, Barbara, con quegli occhietti cattivi da donna che nella vita ha sbagliato tutto, da ortica che per sentirsi vera ha bisogno di mandare una lettera ai giornali in cui attacca te e tuo padre per attaccare sé e il posto in cui lavora. Tu che sei amore e bellezza assoluta, perdona anche per il futuro. Per quando, tra un paio di mesi, la de Monticelli verrà licenziata e le cicale della giusta parte confonderanno ancora una volta l’epurazione con il bene del Paese.

Share

Qualche assassinio senza pretese

Il mio paese natale è famoso per tre cose: l’Ikea, il recente omicidio di due puttane, e me. Al mio paese natale sono tutte brave persone, solo che per resistere ai mutamenti linguistici bisogna essere eroi, e non si può chiedere a tutti di essere eroi. “Ikea”, ad esempio, ha troppe vocali, e al mio paese natale l’hanno sempre chiamato “centro commerciale”. Le due ragazze massacrate con una balestra nel mio paese natale hanno iniziato a chiamarle “escort”, come fanno i giornalisti. Al mio paese natale (ma anche da altre parti) non usano i termini “puttane” o “prostitute” un po’ per rispetto e un po’ per non dar fastidio ai bambini a cena. Quanto a me, rappresento l’unica costante e tutti continuano a chiamarmi “hei!”.

Share