Quest’uomo non sta bene #2

Questa storia dei vestiti di Formigoni è così incredibile che ho iniziato a pensare che ci sia qualcosa sotto. Ho pensato che ci stia prendendo per il culo lui, a noi. Che lo faccia per motivi di visibilità. Ma a quel punto sarebbe stato più sensato mettersi nudo a limonare la Madonnina. E quindi no. Molti dicono che sia perché è gay. Ci ho pensato: ma in linea di principio i gay hanno buongusto, lui no. Alcuni dicono sia un modo per allontanare l’aura di politico noioso, di figlio del vescovo che puzza ancora di sagrestia. Ma tra un papa boy e coloro che assumono regolarmente LSD c’è un’ampia zona grigia, in mezzo. E quindi acqua anche qui. Non riuscivo a venirne fuori. Ero disperato.

Poi, stamane, l’illuminazione. Le sue battaglie sulla castità. Cielle. I preti. La famiglia. L’astinenza. I suoi 64 anni. La verginità. La primavera.

Ha scopato.

Share

Panino o piadina?

Share

Riaccendere le luci

Non è facile per uno straniero avere un rapporto non drammatico con Milano. Io, ad esempio, ho un rapporto abbastanza drammatico con Milano.  Non è facile per un liberale avere un rapporto non drammatico con la sinistra. Io, ad esempio, ho un rapporto abbastanza drammatico con la sinistra, ma peggio con la destra.

Questi due problemi sono stati risolti ieri da Giuliano Liberamilano Pisapia, che in un’intervista commovente sul Post parla dei dieci luoghi di Milano a cui lui è affezionato. Lo spirito è il contrario del decalogo di Saviamo. Perché Giuliano è una persona buona. E’ popolare. E’ dolcissimo. Ha visione di insieme. Perché quando lui sorride sembra mio padre, con quegli occhi pieni di umiltà e comprensione. Come mio padre, poi, lui mi dà un sacco di speranza: la lista dei 10 posti di Milano a cui sono affezionato, oggi, si ferma al Frizzi & Lazzi.

Share

Très bien ensemble

Da un paio di settimane frequento una ragazza molto di classe. Si chiama Michelle. Non è francese, ma sua madre sì. Scuola internazionale da bambina, esperienze all’estero da adolescente, capelli castani un po’ riccioli da grande. La nostra storia si caratterizza per il fatto che lei mi insegna molte cose e io sto ad ascoltare. A volte estasiato, a volte anche. Amo in particolar modo quando Michelle mi parla di musica. Ha una conoscenza sterminata. Dal folk alla cantautoriale, dalla musica popolare sudamericana alla classica post-mozartiana. In particolare, a Michelle piace la musica ricercata. A Michelle piace andare per bancarelle, alle fiere del disco, a Michelle piace trovare degli autori rari. Per poi potermene parlare, per poterne discutere mentre sorseggiamo dell’acqua tonica (io) e del martini dry (lei) sul mio divano verde. Ieri sera prima di fare l’amore, ad esempio, ha tirato fuori dalla sua borsa nera un vinile sgualcito. E’ scivolata accanto al giradischi e ha l’ha messo su. Jazz.

Il jazz fa morire le piante. Me l’ha detto un mio maestro, e studi clinici confermano che il jazz, qualsiasi tipo di jazz, causa il blocco immediato del ciclo cloroffilliano e porta geranei, ortensie e ciclamini a morte certa nel giro di 36/48 ore. Io a casa mia non ho molte piante, ma una sì. Si chiama Camilla e non voglio che muoia. Per questo motivo mi sono molto allarmato e sono corso ad afferrare Camilla per portarla in un’altra stanza. Michelle, che stava regolando bassi e alti sul giradischi mi dice, con quella voce che sembra un canto: “Ti piace, amore? E’ June Kuramoto, uno dei migliori jazzisti giapponesi”.

L’altra sera  (non capita spesso) ero seduto sul mio divano verde con Michelle, una ragazza molto dolce, un po’ francese e un po’ no. Sorseggiavamo dell’acqua tonica (io) e del martini dry (lei). Prima di fare l’amore lei si alza, e tira fuori dalla sua borsa nera un vinile sgualcito. Scivola accanto al giradischi e lo fa partire, ma non si sente niente.

– Cos’ha il tuo giradischi?

– Non lo so Michelle, saranno le testine.

Share

Vincenzo dice che sei bella

In questi giorni non capisco bene che cosa mi stia succedendo. E’ una sensazione nuova, di riconciliazione quasi religiosa con la mia terra. In questi giorni mi alzo la mattina ed il sole è più pulito. Prendo il tram facendo salire prima gli altri. Cedo il mio posto anche ai più giovani. Tutti mi sorridono e ricevo molti complimenti per le mie camicie un nuove. Vedo poche facce tristi, in questi giorni: comunque persone che se lo meritano. Vedo molti visi illuminati, invece: non so se se lo meritano, ma bene così. Stiamo pensando, nel mio consiglio circoscrizionale, di dedicare una via alle due giornate politiche più belle della mia vita. Qualcuno ha suggerito Via della Nuova Liberazione. Qualcun’altro Via Santanché. Io, che sono un entusiata, propenderei per Via Nonsvegliatemipiù.

Share

Eurovision complicato#3

Nonostante la redazione, qui, stesse con Lena (Germania, una delle donne più belle di sempre, che già aveva vinto lo scorso anno), molto bene il secondo posto di Gualazzi, ieri. Bella la canzone. Ottima la pronuncia in inglese. Educato, emozionato, composto ma coinvolgente. Voce a metà tra Frank Sinatra e Adam Levine. Ci fosse stato Baudo a presentarlo come si deve, avrebbe vinto.

Share

Quest’uomo non sta bene

Per chi fosse ancora indeciso, un’altra puntata dell’eterna lotta tra Formigoni e il buongusto.

(via Ciwati)

Share

Poesia per Faraguna presidente

Se cade pioggia e soffia il vento

Triestino, triestino!, è arrivato il cambiamento

Vien giù sazia, tira bora

Triestino che non voti, cos’ te ‘speti, te son fora?

Prendi la vespa, il bus o il tram

che se vota fin doman

Ciama i muli, la morosa

Che qua succedi qualcosa

Lì nell’urna, con la scheda

Non importa a cosa creda

Per una volta in tanti anni

Vota senza far dei danni

Xe un mulo novo, coccolo, vero

Un mulo capace, xe il mio pensiero

Xe una bobana: intelligente, non scaltro

Xe anche ‘sai mod: servi qualcoss’altro?

Triestino sul divano, fatti un po’ ‘sto gran piacere

Pensa un po’ che gran città, senza Camber consigliere

Triestino un po’ annoiato, una cosa, solo una

Anche senza Carpinteri, vai e vota Faraguna.

Share

Eurovision complicato#2

Riceviamo dal nostro inviato a Dortmund. E, volentieri, pubblichiamo.

I video sono abbastanza interessanti. Dino Merlin (Bosnia Herzegovina) è l’ispiratore ufficiale del video di Formigoni; la Repubblica di Skopje (la Macedonia non è uno stato, ma una regione greca) ha decisamente il testo più orecchiabile (ni kakaljin, ni kamalja ma nisto ne ja razbiram è già sulla bocca di tutti) il Belarus ha puntato tutto su un patriottismo mieloso al neon, noi sulle tette della Bellucci (che è un po’ lo stesso).

Share

Eurovision complicato#1

Una sera di primavera nella Lorena francese culla della nostra Europa, sono stato a iniziato a uno dei fondamenti dell’Unione da due amici, uno rumeno e una francese (di quest’ultima ero innamorato). Il fondamento in questione si chiama Eurovision, una competizione canora tra Stati, una specie di Giochi Senza Frontiere della musica. Funziona così: uno Stato, dopo consultazioni che coinvolgono i massimi livelli (i ministeri degli esteri, della cultura e dei temporali) sceglie un campione e una canzone da mandare a duello. Il duello, nella nostra epoca di non violenza, si svolge su un palco: al posto dello scudo un microfono, una canzone per alabarda. Eurovision coinvolge ogni anno milioni di europei entusiasti. Milioni di milioni in tutti i Paesi. A parte, fino a quest’anno l’Italia.

Questa sera, dopo quasi quindici anni, l’Italia si ripresenta ad Eurovision (ore 20.50, raidue). E’ una notizia straordinaria, europea. I giornali non ne parlano troppo perché occupati con questa cosa del voto. Continuiamo ad avere una visione distorta delle priorità.

Il motivi per cui l’Italia non ha partecipato in tutti questi anni sembrano essere due. Alcuni dicono che l’assenza italiana coincida con il periodo di potere leghista. Può essere vero. Uno come Van der Sfroos a Eurovision non sarebbe ammesso: lì si canta in lingua, come dice mia nonna. E sono vietate le sciarpe in generale, e quelle a righe in particolare (art. 3, comma 4-bis del Regolamento). Il secondo motivo riguarda San Remo. Che senso ha, sostenne a suo tempo Togliatti, partecipare a qualcosa che si ispira a San Remo, se abbiamo già San Remo? La questione è controversa. Perché se da un lato noi qui si ama l’Europa e tutto quello che include la radice “Euro”, dall’altro l’obiezione di Togliatti, senza volerlo, coglie nel segno. E’ una questione di rispetto del sacro. Sono sempre stato contrario alle continuazioni di Pippo Baudo con altri mezzi.

Share

Situazioni, cose

Bin Laden non è morto. Non più di quanto lo sia Paul Mc Cartney, almeno. Quindi sì: è morto. Il polacco amico di Pinochet non è mai stato fatto santo e nemmeno beato. Al limite una pacca sulla spalla. Il Milan non ha vinto lo scudetto, anzi. Se fosse successo, la mia Barbara avrebbe festeggiato con quello lì. L’avrebbe anche baciato, magari. Ma per fortuna no. Con un uno-due Cavani/Dossena (il colosso di Lodi)  il Napoli ha preso 7 punti nell’ultima partita e adesso è davanti. Vediamo domenica. A Londra si inizia ad uscire la sera. Si dice di un po’ di movimenti, a palazzo, ma niente di che. Le elezioni vanno abbastanza bene: un confronto politico franco e sereno. Sui problemi. Del Paese reale.

Sarei morto dalla noia, negli ultimi 15 giorni, se la siura non avesse detto all’altro che da giovane aveva rubato un’auto. E invece per fortuna l’ha fatto. E quindi polemiche. Tritacarne mediatico. Macchina del fango. Esclusiva: la macchina era della siura. Nessuno ha capito che il problema non è tanto il furto, ma quello che è successo dopo. Che cioè invece di rimanere con la siura, con l’auto rubata lui se n’è andato all’idroscalo per trovare un altro suo amore. La stagione del suo amore. Che non era neanche (più) la primavera. Peccato.

Share