Ti amo, Emilia

Le tasse sono terribili, la spesa pubblica è terribile, ma Stella e Rizzo sono ancora più terribili.

Stella e Rizzo non hanno un corpo. Dopo un milione di ospitate in tivvù, nessuno è in grado di distinguere l’uno dall’altro. Mai fidarsi di chi non ha un corpo. Nascosti dietro al loro non essere, Stella e Rizzo hanno inventato e propagandato parole come “casta”, “privilegi” e “sprechi”. Queste parole hanno la caratteristica di far perdere credibilità a chiunque le pronunci. Non paghi, i Travaglio della borghesia annoiata continuano a tuonare contro la spesa pubblica che gli garantisce lo stipendio. Va bene indignarsi, ma ora anche basta.

Il punto non è che c’è uno Stato che si mangia metà di quanto produco. Il punto è che cosa ne fa, con questa metà. Mi avvilisco a livelli incredibili quando penso che la Lombardia spende i miei soldi per ristrutturare alberghi dei preti o per pagare consultori familiari. Sono felice, invece, se l’Emilia Romagna aumenta le sue uscite del 125% negli ultimi 10 anni per fare quello che si fa in Emilia Romagna.

L’Emilia Romagna è la regione più bella del mondo. Asili, scuole, casseri, musica anni ’70, festival del benessere. Io allo Stato darei anche i 4/5 di quanto produco, a patto che 3/5 vadano a Porretta. Porretta è il paese più bello del mondo. Asili, scuole, pozze, festival del cinema. Porretta è una scheggia di paradiso. Il sorriso della bella gente d’apennino è l’unico motivo per cui potrebbe dubitare della non esistenza di Dio.

Capisco Stella e Rizzo (o Rizzo e Stella, o Stella e Stella, o Rizzo e Rizzo), che a stare in questa bottiglia d’orzata non capiscono, si innervosiscono e fanno deprimere i miei genitori. Ma che se la mettano via. Che si informino su cosa succede a Porretta, mentre loro ticchettano maligni sulle loro tastiere wireless. Che assaggino una tigella calda, conversando con Carlo Mazzacurati di quanto sono dolci i colori della primavera. Apparirà chiaro addirittura a loro che la spesa pubblica è un pretesto e che il modello è l’Emilia Romagna. Anzi, l’Emilia.

Share

Le velleità ci aiutano a morire

Non c’è nessun motivo per celebrare gli 883. Sono la ragione della mia preadolescenza rivelata anzitempo, della mia adolescenza passata a considerare le ragionevoli conseguenze di un suicidio veloce. Gli 883 hanno intrappolato i miei vent’anni in cassette VHS usate.

Quella prosopopea generazionale da Alberoni meno fantasioso mi ha accompagnato nel mio crescere come la paura dell’aids. Magnificare gli 883 equivale a ricordare con affetto la paura dell’aids. Io non provo affetto verso la paura dell’aids. Non mi è mai piaciuto perdermi mentre andavo a una festa o passare pomeriggi a guardare gli shorts di donne che non avrei mai potuto conoscere. Non c’è nulla di meritevole nel girare per il corso con un motorino da sfigati.

Gli 883 non sono straordinari. Non sono la voce di una generazione. Non mi fanno venire nostalgia. Non mi ricordano cose belle. La voce da pipistrello stordito di Pezzali non mi avvicina a nulla di diverso dalla morte. Quando mi capita di ascoltarlo nella sala d’attesa di un dentista non vedo l’ora di farmi impiatare un ponte. Durante l’operazione soffro in modo ragionevole. Il rumore cinico del trapano sulle mie gengive sembra un remix post-punk di Jolly Blue.

La distanza non necessaria tra gli occhi di Pezzali è una parabola della mia dissociazione da me stesso, ma la mia generazione non c’entra. La mia generazione non esiste, e non saranno la resurrezione di Pezzali o scrivere libri su Bim Bum Bam che farà cambiare le cose. Nel mio quartiere in periferia non c’è nessuno che tiene il tempo. C’è solo un tempo che ci tiene, insieme, un po’ per caso.

Share